lunedì 28 maggio 2012

Israelis attack African migrants during protest against refugees

An African migrant in a car with shattered windows after a protest against African refugees
An African migrant in a car with shattered windows after a protest against African refugees and asylum-seekers in Tel Aviv turned violent. Photograph: Ariel Schalit/AP
Demonstrators have attacked African migrants in Tel Aviv in a protest against refugees and asylum-seekers that indicates an increasingly volatile mood in Israel over what it terms as "infiltrators".
Miri Regev, a member of the Israeli parliament, told the crowd "the Sudanese are a cancer in our body". The vast majority of asylum-seekers in Israel are from Sudan and Eritrea.
Around 1,000 demonstrators took part in the demonstration on Wednesday night, waving signs saying: "Infiltrators, get out of our homes" and "Our streets are no longer safe for our children." A car containing Africans was attacked and shops serving the refugee community were looted. Seventeen people were arrested.
A reporter for the Israeli daily Maariv described it as an "unbridled rampage" and explosion of "pent-up rage".
"Suddenly one of [the protesters] noticed that in one of the cars waiting for traffic to move were two young dark-skinned men, apparently foreign workers. For the hundreds of inflamed and enraged young people, that was all they needed. Within minutes, they dismantled – there is no other word to describe it – the car and its passengers. Some of them smashed the windows with their hands and rocks, others kicked the car, bent the plastic parts and tried to attack the people inside. 'I'm not from Sudan, I'm not from Sudan,' the driver tried to tell the assailants, but nobody was listening at that stage."
The protest followed a claim on Sunday by the prime minister, Binyamin Netanyahu, that "illegal infiltrators [were] flooding the country" andthreatening the security and identity of the Jewish state. "This phenomenon is very grave and threatens the social fabric of society, our national security and our national identity," he said.
The government is constructing a fence along the Egypt-Israel border to deter migrants and asylum-seekers, and is building what will be the world's largest detention centre, capable of holding up to 11,000 people.
It is also seeking court approval to deport up to 3,000 refugees back to South Sudan, despite concerns over the humanitarian crisis there and human rights violations.
Israel's police chief has urged the state to allow asylum-seekers to work in order to avoid economic and social problems.

venerdì 25 maggio 2012

Israel: Ten Arrested In Organ Trafficking Bust

TUESDAY, 22 MAY 2012 14:20
Israeli police arrested ten people on Tuesday morning on suspicion that they belong to an international organ trafficking ring. They are also suspected of extortion, tax fraud, and inflicting grievous bodily harm. Among the suspects is one doctor.
The Israeli National Fraud Unit and the Tax Authority began a joint undercover investigation into the ring several months ago. In 2009, several countries contacted Israel to request an investigation into organ trafficking on its territory after the discovery of an organ trafficking victim in Kosovo who implicated Israeli citizens. European authorities investigating the Kosovo “Medicus” organ trafficking case provided the names of Israeli suspects they uncovered.
According to the Israeli police, the ten traffickers recruited poor day workers in Israel, and sent them to Kosovo and Azerbaijan where their kidneys were removed. The victims were promised US$10,000 per kidney, but the police believe few received any payment. Organ recipients paid between US$100,000 and US$150,000 per kidney. The traffickers did not inform the “donors” about the risks of surgery and kidney removal, and failed to provide them with medical care after the surgery.
In Israel, the victims were mostly young Turkish men, while the ring also recruited poor people from Russia, Moldova and Kazakhstan. Israeli police believe the transplant operations may have also been performed in an undisclosed third country in Asia. The investigation is still underway.
The suspects are scheduled to appear at the Rishon Lezion Magistrate court in Jerusalem on Wednesday morning.

Police arrest 10 Israelis on suspicion of organ-trafficking

JERUSALEM - Police say they have arrested 10 Israelis over the past few weeks on suspicion they trafficked in organs.
Police spokesman Micky Rosenfeld says one of the suspects is a doctor affiliated with a Tel Aviv-area hospital.
He says the alleged organ-trafficking operation was international, but didn't immediately have details about the countries involved.
He says the names of the suspects will not be released before they appear before an Israeli court.
Rosenfeld spoke on Wednesday. He did not have a date for the court appearance or any further details.

lunedì 21 maggio 2012

Eritrean & Ethiopian Refugees Massacre by Sudanis Police

21.05.2012 Today, in the morning, Scegarab refugee camp in Sudan, according to the testimonies we collected up to now talk that there was "a massacre of refugees", and a grave violation of the rights of refugees, who were demanding more protections, as long traffickers were to take and seize persons, which were then sold in the Sinai, the refugees exacerbated by this whole situation, in 300 occurred in the offices of UNHCR, asking for more protection, the witnesses speak of police attempts to disperse the group, saying "you have no right to demand anything, opposite to the resistance of refugees in response, the Sudanese military, have responded by firing tear gas and live ammunition, killing twenty people, many seriously injured, state for up to quesli and refused medical treatment from hospitals. " If the facts that are reported are reflected, What happened is very serious and very serious indeed, by the time we get some indication of cooperation between police in the Sudanese refugee camp, and the traffickers who come to the seizures, the response so violent today by the police, in front of people who came to seek protection against attacks by traffickers, not help to allay the suspicion of complicity and connivance of certain poliziati tafficanti with us for years are reported.We urge vigorous action, the United Nations High Commissioner for Refugees, to provide greater protection to the survivors of the massacre perpetrated by the Sudanese police today, and ask them to clarify the responsibilities of those who gave this order to do this massacre, that has wiped more than 20 people, injured about fifty?where were the leaders of the UNHCR office?We demand JUSTICE! for people massacred, who demanded in exchange for protection, in a refugee camp under UNHCR's mandate, not a massacre like that is acceptable.We also ask the EU to call the Sudanese authorities to respect the rights of refugees, to engage seriously in the fight against trafficking in human beings, and ensure the security and safety of the refugees are welcome in these fields, which are now a thriving market for traffickers in human beings and organs.
Fr. Mussie Zerai

Rifugiati Eritrei ed Etiopi massacrati dalla polizia Sudanese

Oggi 21.05.2012, in mattinata, nel campo profughi di Scegarab in Sudan, stando alle testimonianze che abbiamo raccolto fino a questo momento parlano che ce stato "un vero massacro dei rifugiati", e una gravissima violazione dei diritti dei rifugiati, che chiedevano maggiori protezioni, dato che da tempo i trafficanti venivano a prendere e sequestrare persone, che venivano poi venduti nel Sinai, i profughi esasperati da tutta questa situazione, in 300 si sono presentati negli uffici dell'UNHCR, per chiedere più protezione, i testimoni parlano di tentativi della polizia di disperdere il gruppo dicendo "che non avete diritto di chiedere nulla, difronte alla resistenza dei profughi in tutta risposta, i militari Sudanesi, hanno risposto sparando gas lacrimogeni, e proiettili veri, uccidendo una ventina di persone, molti feriti gravi, ai quesli e stato per fino rifiutato  le cure mediche dai ospedali". Se i fatti che ci vengono riferite trovano riscontro, Quello che accaduto e molto grave anzi è gravissimo, da tempo riceviamo segnalazione di collaborazione tra alcuni poliziotti Sudanesi dentro il campo profughi, e i trafficanti che vengono a fare i sequestri, la risposta cosi violenta di oggi da parte della polizia, difronte a persone che venivano a chiedere protezione, dagli attacchi dei trafficanti, non aiuta ad allontanare il sospetto di complicità e connivenza di certi poliziati con i tafficanti che da anni ci vengono segnalate.
Chiediamo URGENTEMENTE un intervento forte, dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per Rifugiati, per garantire maggiore protezione, ai sopravvissuti al massacro perpetrato dalla polizia Sudanese quest'oggi, e chiedere di chiarire le responsabilità di chi ha dato questo ordine per fare questa mattanza, che ha falciato più di 20 persone, una cinquantina di feriti? dove erano i responsabili dell'ufficio dell'UNHCR ?
Chiediamo GIUSTIZIA!!! per le persone massacrate, in cambio della protezione che chiedevano, dentro un Campo profughi sotto il mandato dell'UNHCR, non è accettabile una strage del genere.
Chiediamo anche all'Unione Europea di richiamare le autorità Sudanesi a rispettare il diritti dei rifugiati, di impegnarsi seriamente per la lotta contro il traffico di esseri umani, e garantire la sicurezza e gli incolumità dei rifugiati che trovano accoglienza in questi campi, che oggi sono un mercato fiorente per i trafficanti di Organi e di esseri umani.
don Mussie Zerai

venerdì 18 maggio 2012


Rome, 18 May - The Agency Habeshia led by Don Mussie Zerai welcomes the humanitarian gesture of the Italian government has sought to accommodate two familieson their territory of Eritreans and Ethiopians, to which the UNHCR had already recognized the status of refugees. These people were in danger of being repatriated to their countries of origin with possible impact on their safety and security. The group,composed of two women, a girl of 7 years and six men, was blocked for five days at the airport in Amman, Jordan, where he arrived on the run from Yemen. "We are grateful to the Italian authorities for the commitment they have demonstrated - said Don MussieZerai, Habeshia Agency, also thanked the UNHCR Representative for Southern Europe for the early activation of all channels - it was an important gesture that has solved in a short time, a complex situation, the benefit of people who need protection. "in case ofreturn from Jordan to Yemen famglie the two in question would run the risk of a lengthy prison or to be repatriated in the countries from which they fled in search of international protection. The intervention, which represents the result of a joint effort of the Italian authorities, UNHCR and the Agency Habeshia, comes at the end of a complexdiplomatic negotiations that allowed to rescue the two families of refugees, arrived this morning at dawn in Italy.
Don Mussie Zerai

Rifugiati Eritrei ed Etiopi messi in salvo, Grazie all'Italia

Roma, 18 mag - L’Agenzia Habeshia guidata da Don Mussie Zerai esprime soddisfazione per il gesto umanitario del governo italiano che si è adoperato per accogliere sul proprio territorio due famiglie di eritrei ed etiopi, a cui l’Unhcr aveva già riconosciuto lo status di rifugiati. Queste persone correvano il rischio di essere rimpatriate nei paesi di origine con possibili ripercussioni sulla loro incolumità e sicurezza. Il gruppo, composto da due donne, una bambina di 7 anni e sei uomini, è stato bloccato per cinque giorni all’aeroporto di Amman, in Giordania, dove era giunto in fuga dallo Yemen. “Siamo grati alle autorità italiane per l’impegno che hanno dimostrato – ha commentato Don Mussie Zerai, dell'Agenzia Habeshia, ha ringraziato anche il Rappresentante dell’Unhcr per il Sud Europa per la pronta attivazione di tutti i canali – si è trattato di un gesto importante che ha permesso di risolvere, in tempi brevi, una situazione complessa, a beneficio di persone che hanno bisogno di protezione.” Nel caso di rimpatrio dalla Giordania verso lo Yemen le due famglie in questione avrebbero corso il rischio di una lunga detenzione o di essere rimpatriate nei paesi da cui erano fuggite in cerca di protezione internazionale. L’intervento, che rappresenta il frutto di uno sforzo congiunto di autorità italiane, Unhcr e l'Agenzia Habeshia, giunge al termine di una complessa trattativa diplomatica che ha permesso di trarre in salvo le due famiglie di rifugiati, arrivate questa mattina all’alba in Italia. 
don Mussie Zerai

martedì 15 maggio 2012

Profughi schiavi nel Sinai:

Profughi schiavi nel Sinai: giovane madre bruciata perché non riesce a pagare il riscatto
Scritto da Emilio Drudi il 15/05/2012.
Sono circa duemila i profughi schiavi, quasi tutti eritrei, somali ed etiopi, nelle mani dei predoni beduini nel Sinai. In fuga da fame, guerra, persecuzioni e catturati durante il loro “cammino della speranza” verso Israele, su ognuno incombe la minaccia di essere sacrificato sul mercato dei trapianti clandestini, se parenti e amici non riescono a trovare il denaro per il riscatto, arrivato ormai a 35 mila dollari. Gli ultimi dati in possesso dell’agenzia Habeshia, che fino a qualche mese fa parlavano di 400 o 500 prigionieri, confermano il bilancio molto più pesante fatto già in passato da Everyone, una organizzazione internazionale che si occupa della difesa dei diritti umani.
Quei disperati sopravvivono in condizioni terribili, oggetto di ogni genere di violenze. Il caso più drammatico segnalato di recente a don Mussie Zerai, il sacerdote eritreo presidente di Habeshia, è forse quello della giovane madre di una bambina di due anni. “La donna – hanno raccontato altri prigionieri – è stata costretta ad assistere inerte alle sofferenze della figlioletta, che stava lentamente morendo di fame. I trafficanti le impedivano di darle da mangiare finché non avesse trovato le migliaia di dollari necessari per pagare la sua libertà. Alla fine si è ribellata e la punizione è stata terribile: le hanno cosparso i capelli di benzina e appiccato il fuoco”. Le ustioni sono state tremende: ora la poveretta versa in gravissime condizioni, abbandonata a se stessa, senza alcuna assistenza. E si dispera anche per la sorte della sua piccina.
“Sono anni – protesta don Zerai – che denunciamo questo mercato di schiavi al macello. I trafficanti hanno trovato nel Sinai una zona franca, una regione senza norme e diritti, dove vige solo la legge dei mercanti di uomini di lontana memoria. Quasi ogni giorno riceviamo segnalazioni di atrocità. Ma le nostre denunce restano inascoltate. Il Sinai è territorio egiziano, eppure il governo del Cairo non fa il minimo sforzo per contrastare questo crimine contro l’umanità. Sono ormai migliaia i giovani e i bambini che mancano all’appello: tutto lascia credere che i loro resti si trovino in una delle tante fosse comuni sparse nel deserto. Nel Sinai si continua a morire, le donne subiscono violenze sessuali e fisiche terrificanti, ma la comunità internazionale resta di fatto indifferente: non bastano semplici contatti diplomatici con il Cairo. Lo dimostra quanto continua ad accadere”.
E l’emergenza si estende intanto ad altri paesi attraversati dai migranti in fuga dal Corno d’Africa. In particolare, Libia, Yemen, Gibuti e Tunisia. “La Libia rivoluzionaria – accusa Habeshia – non sembra tanto diversa da quella di Gheddafi. Le testimonianze e le richieste di aiuto giunte da Bengasi e Kufra parlano di centinaia di profughi tenuti prigionieri in condizioni disumane. A Kufra sono costretti a lavori forzati a servizio dell’esercito, sorvegliati a vista da uomini armati, quasi senza cibo né acqua, pestati di continuo dalle guardie. Chi ha la possibilità di pagare 800 dollari viene accompagnato sotto scorta a Tripoli, alimentando un traffico che sfrutta quei disperati come ai tempi di Gheddafi. A Bengasi la situazione è identica: maltrattamenti, ricatti, mancanza di cibo e acqua potabile, nessuna assistenza medica per malati e feriti, impossibile ogni contatto con gli operatori dell’Alto Commissariato Onu per i rifugiati e degli altri organismi internazionali che si occupano dei diritti umani”.
Nello Yemen sono trattenuti in carcere, dimenticati da tutti, circa 240 eritrei. Una settantina di loro hanno contratto in prigione una malattia che provoca forti emorragie dal naso e dalla bocca. Per evitare il contagio gli agenti di custodia li hanno isolati, abbandonandoli in un cortile circondato da alte mura, esposti alle intemperie e senza alcun intervento medico. A Gibuti si sono rifugiati dall’Eritrea oltre 350 profughi: bloccati dalla polizia, nonostante siano arrivati chiedendo l’asilo politico ed umanitario, vengono trattati come prigionieri comuni. Molti si stanno ammalando di tubercolosi, come è capitato a numerosi compagni, uomini e donne, che li hanno preceduti, fuggendo oltre confine dalla dittatura militare di Isaias Afewerki. Hanno sollecitato l’interessamento del Commissariato Onu, ma non si è visto nessuno: forse i loro appelli non sono stati neanche inoltrati.
Minaccia di precipitare, intanto, anche la situazione nel campo profughi di Shousha, in Tunisia, a pochi chilometri dal confine libico, dove hanno trovato rifugio migliaia di eritrei, somali, etiopi e sudanesi scappati dalla Tripolitania durante la rivoluzione della “primavera araba”. Affollamento e intolleranza stanno creando problemi e situazioni di pericolo in particolare per i cristiani: tempo addietro è stata incendiata la tenda che fungeva da cappella per le preghiere in comune, fuori dal campo vengono segnalate sempre più frequenti aggressioni verbali e fisiche, a diversi missionari la polizia ha impedito di entrare per svolgere opera di assistenza e celebrare le funzioni. “Tutto questo – evidenzia don Zerai – in un campo che è sotto la responsabilità del Commissariato dell’Onu”.
Da qui l’ennesimo appello ai responsabili Onu, all’Unione Europea e a tutti i governi interessati. In particolare, per la Libia, al governo italiano. Anche di recente il Consiglio transitorio di Tripoli ha ribadito di vedere nell’Italia il suo principale partner europeo. E l’Italia, con il gabinetto Monti, ha confermato sostanzialmente l’accordo di amicizia con la Libia firmato a suo tempo da Berlusconi e Gheddafi, incluso il capitolo della “vigilanza” contro l’emigrazione clandestina, ma senza pretendere preventivamente almeno il rispetto dei diritti umani e la garanzia di libero accesso nelle carceri per gli ispettori e il personale dell’Alto Commissariato dell’Onu e degli altri organismi di assistenza internazionali. E’ sicuramente il caso che lo stesso presidente del Consiglio o, quanto meno, i ministri degli esteri Giulio Terzi e dell’interno Anna Maria Cancellieri, chiedano chiarimenti alla Libia e impongano il rispetto delle convenzioni internazionali sulla tutela e sul trattamento dei migranti e dei rifugiati come condizione per dare corso concretamente a quell’accordo. E’ l’unico modo per non essere complici.

Jordan: Don’t Deport Eritrean Refugees to Yemen 
Jordan: Don’t Deport Eritrean Refugees to Yemen
Group of Nine at Risk of Persecution in Eritrea
(Beirut, May 15, 2012) – Jordanian authorities are about to deport  nine detained Eritrean refugees, including a 7-year-old girl, toYemen where they risk indefinite detention and possibly deportation to persecution in Eritrea, Human Rights Watch said today. Jordanshould allow the group to remain in Jordan and give the United Nations refugee agency access to the refugees, Human Rights Watch said.

Jordanian authorities recently intercepted the group on its way from Yemen through Jordan to an unknown destination and intend to deport them to Yemen on a 9:30 p.m. flight on May 15, 2012. 
The UN refugee agency (UNHCR), which has confirmed it has already recognised all nine as refugees in the past, has been unable to convince the authorities to allow the group to remain in Jordan.
“Jordan should protect these Eritrean refugees from persecution, and that means not returning them to indefinite detention in Yemen,” said Bill FrelickRefugee Program director at Human Rights Watch.
The Yemeni government has a poor record of protecting Eritreans arriving in Yemen in recent years, Human Rights Watch said. Although the country hosts almost 1,000 registered Eritrean refugees who were recognized as such many years ago, more recently it has arrested and indefinitely detained Eritreans as soon as they arrive by boat on Yemen’s southern shores.
UNHCR has been unable to secure the release of hundreds of detained Eritreans in Yemen, with only a handful allowed to resettle in third countries.
Although there are no recent cases of deportation from Yemen to Eritrea, Yemeni authorities have recently allowed airlines to transit through its capital, Sana, on the way to Eritrea with Eritrean deportees on board.  Human Rights Watch said that if deported to Eritrea, the group would be at serious risk of persecution.
Eritrea’s extremely repressive government requires all citizens under 50 to serve in the military indefinitely. Anyone of draft age leaving the country without permission is branded a deserter, risking five years in prison, often in inhumane conditions, as well as forced labor and torture. UNHCR considers that, in practice, the punishment for desertion or evasion is so severe and disproportionate in Eritrea that it constitutes persecution.

No international agencies in Eritrea, including UNHCR, have been able to monitor the treatment of Eritreans once they are returned to Eritrea. However, Eritrean refugees in various countries have told Human Rights Watch that Eritreans forcibly returned to their country are routinely detained and mistreated in detention.
UNHCR’s official Guidelines to States on the protection needs of Eritrean asylum seekers state that “[i]ndividuals of draft age who left Eritrea illegally may be perceived as draft evaders upon return, irrespective of whether they have completed active national service or have been demobilized,” and that “[t]he punishment for desertion or evasion is so severe and disproportionate such as to amount to persecution.”

For more Human Rights Watch reporting on Jordan, please visit:

For more Human Rights Watch reporting on Eritrea, please visit:
For more information, please contact:In Geneva, Gerry Simpson (English, French, German, Italian, Spanish): +41-79-219-95-68 (mobile); or
In Washington, DC, Bill Frelick (English): +1-202-612-4344; or +1-240-593-1747 (mobile); or
In Beirut, Nadim Houry (English, Arabic, French): +961-1-217-670; or +961-3-639-244 (mobile); or
In New York, Joe Stork (English): +1-202-299-4925 (mobile); or

lunedì 14 maggio 2012

Interrogazione in Commissione Tunisia

Al ministro degli Affari Esteri per sapere,

premesso che
la mozione Mazzocchi e altri del 12 gennaio 2011 impegna il governo a tutelare “la libertà religiosa, madre di tutte le libertà”;
il ministro degli Affari Esteri Terzi di Sant'Agata, in continuità con il ministro Frattini, ha sostenuto che “la difesa della libertà di religione, il dialogo interreligioso e la tutela delle minoranze religiose sono per l'Italia una priorità, un principio guida della nostra politica estera a tutti i livelli” (Giacarta, 23 aprile 2012);
il 16 e 17 maggio il ministro degli Esteri Giulio Terzi accompagnerà il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in Tunisia, e nell'occasione firmerà un accordo di partenariato rafforzato con il suo omologo;
l'agenzia Abeshia diretta da padre Mussie Zerai denuncia in data 14 maggio in una nota trasmessa all'interrogante che:
nella citata nota, padre Mussie Zerai a nome dei cristiani eritrei profughi invita .  Lo stesso appello è rivolto .

Se questi fatti corrispondano al vero;
se e come intenda far valere presso le autorità tunisine e presso l'Alto Commissario per i Rifugiati l'invito a rendere effettiva nel campo di Shousha la libertà religiosa e la tolleranza.

Roma 14 maggio 2012  on Renato Farina, Enrico Pianetta, Gennaro Palmieri, Elena Centemero, Alessandro Pagano, Paolo Vella, Manuela Di Centa. Gabriele Toccafondi, Maurizio Lupi, Raffaello Vignali  

Interrogazione a risposta in Commissione

Al ministro degli Affari Esteri per sapere,

premesso che

l'Agenzia Habeshia è accreditata come la fonte più seria e affidabile in tema di diritti umani quanto all'Eritrea e agli eritrei perseguitati in patria o profughi, e il suo presidente padre Mussie Zerai è costantemente audito come voce autorevole su questi temi dal Parlamento italiano, dal Consiglio d'Europa e da altri organi istituzionali;

in data 14 maggio è giunta all'interrogante una nota di padre Mussie che riguarda la tragica situazione di profughi eritrei e che qui trascrivo in riferimento ai singoli Paesi;

Se questi fatti corrispondono al vero e siano conosciuti dal governo;

se il governo intende e in quali forme chiedere alle autorità libiche di rispettare i diritti fondamentali dei profughi, e di garantire l'acceso in tutti centri al personale dell'UNHCR affinché venga garantita la protezione internazionale di cui hanno tanto bisogno. Se e come il governo intenda esercitare pressioni sulle autorità libiche per il rispetto delle convenzioni internazionali sul diritti dei migranti e rifugiati;

se e come il governo pensa di intervenire presso le autorità yemenite per garantire ai profughi il diritto di ricevere cure mediche, questi profughi vengano consegnati nelle mani dell'UNHCR, non essendoci ragioni perché siano tenuti in carcere. Se intenda coinvolgere la Comunità Europea perché prema sulle autorità yemenite affinché rispettino i diritti fondamentali di questi esseri umani e la loro dignità;

se e come il governo intenda far presente alle autorità di Gibuti il dovere  grave di consentire l'accesso nelle carceri, dove sono ristretti dei richiedenti asilo politico, agli operatori di UNHCR, OIM ecc soprattutto facendo presente il diritto a tutte le cure necessarie per le persone malate;

nel caso inaudito del traffico di organi nel Sinai, già segnalato in precedenti interrogazioni dallo scrivente, se il governo abbia agito e come intenda procedere a livello di rapporti bilaterali con l'Egitto e nel seno delle organizzazioni internazionali.

Roma, 14 maggio 2012    on Renato Farina, Enrico Pianetta, Elena Centemero

Diritti dei Profughi e Rifugiati Violate

Riceviamo continue segnalazioni da diverse parti, in particolare dallo Yemen, Gibuti, Libia, Tunisia e Sinai-Egitto.

Libia:- la "Nuova" Libia non sembra tanto diversa dalla precedente sotto il regime di Ghedafi, stando alle testimonianze che ci giungono da Benqasi e Kufra, sono centinaia profughi tenuti in codizioni di schiavitù a Kufra, dove i profughi sono costretti ai lavori forzati da uomini armati, che gli costringono a maneggiare armamenti pesanti, pulire carri armati, tutto questo senza cibo ne acqua, continuamente picchiati, situazioni di totale degrado per la dignità delle persone. Chi ha possibilità di pagare fino a $800 dollari US. vengono accompagnati da uomini armati fino a Tripoli, quindi il traffico come ai tempi di Ghedaffi resta fiorente. La stessa condizione dei profughi tenuti in centri di detenzione a Benqasi che si lamentano per maltrattamenti e la mancanza di cibo e acqua potabile, le persone bisognose di cure non ricevono l'assistenza di cui hanno bisogno, dicono di non essere messi in contatto con l'UNHCR o altri organismi internazionali che si occupano per la tutela dei diritti umani.
Chiediamo alle autorità Libiche di rispettare i diritti fondamentali di queste persone, e di garantire l'acceso in tutti centri al personale dell'UNHCR affinché venga garantita a questi profughi la protezione internazionale di cui hanno tanto bisogno. Chiediamo alle autorità Italiane di fare forti pressioni sulle autorità libiche per il rispetto delle convenzioni internazionali sul diritti dei migranti e rifugiati.

Yemen:- Circa 240 perofughi eritrei trattenuti nelle carceri yemenite in condizioni disumane, da mesi chiedono il diritto alla salute, dal momento che circa 70 di loro si sono ammalati di una malattia contagiosa, che nessuno sa di che malattia si tratti, le persone colpite da questa epidemia continuano a perdere sangue dal naso e dalla bocca, le autorità carcerarie yemenite per settimane non hanno dato ascolto alle loro lamentele, non hanno offerto nessuna assistenza medica, dopo una sollevazione di tutta la popolazione carceraria hanno separato le persone colpite da questo male dagli altri, ma ora le persone malate stanno in condizioni peggiori, abbandonati a se stessi all'aperto dentro le mura ma esposti a ogni sbalzi di temperatura, senza riparo ne dal caldo quantomeno di notte dal freddo, una situazione insostenibile e di una gravità inaudita, totale violazione dei più elementari diritti delle persone, del malato, del rifugiato.
Chiediamo alle autorità yemenite di intervenire per garantire a queste persone il diritto a ricevere cure mediche, questi profughi vengano consegnati nelle mani dell'UNHCR, non ce ragione che vengano tenute in carcere trattati come criminali. Facciamo Appello alla Comunità Europea di intervenire sulle autorità yemenite affinché questi rispettino i diritti fondamentali di questi esseri umani e la loro dignità.

Gibuti:- Circa 350 profughi eritrei che sono fuggiti dalla zona di confine, che si sono rifugiati a Gibuti, in questo paese vengono trattati come se fossero prigionieri di guerra, quando invece sono venuti loro stessi a chiedere asilo, già qualche mese fa avevamo denunciato le gravi condizioni di persone bisognose di urgenti cure, in particolare di persone malate di TBC che stavano conteggiando anche gli altri compagni di cella dove sono ammassati come bestie, che tutto ora non è cambiato nulla, cosi come le persone malate di ADIS sono tenute nelle stesse condizioni, non ricevono nessuna visita di organismi internazionali che potrebbero cercare una soluzione ai problemi urgenti di queste persone.
Le autorità di Gibuti dovrebbero consentire l'accesso in queste carceri dove sono tenuti dei richiedenti asilo politico, ai operatori di UNHCR, OIM ect... sopratutto chiediamo il rispetto dei diritti basilari di queste persone. Bisogna garantire tutte le cure necessarie alle persone malate, questo un diritto fondamentale di ogni essere umano.

Shousha -Tunisia:- Nel campo profughi di Shousha al confine tra Libia e Tunisia dove da un anno hanno trovato rifugio migliaia di profughi eritrei, etiopi, sudanesi e somali, da tempo si stanno manifestando segni di intolleranza, qualche tempo fa avevamo denunciato l'atto vandalico che ha distrutto la tenda dove pregavano i cristiani, ora ci vengo segnalati episodi di aggressioni verbali e fisiche a danno dei cristiani fuori dai campi profughi, ma anche dentro limitazioni della libertà religiosa, fino ad impedire ai missionari di accedere nel campo profughi, cosi come ai profughi che portavano sul collo il segno cristiano della Croce gli e stato intimato da qualche militare di toglierlo, tutti questi episodi stanno accadendo in un campo profughi sotto la responsabilità dell'UNHCR. Chiediamo che l'Alto Commissario per i rifugiati intervenga per garantire la libertà religiosa dei rifugiati, che vengano ripristinati il servizio religioso in favore dei rifugiati che sono nel campo di Shousha. Ci appelliamo anche alle autorità tunisine affinché si impegnino per garantire la sicurezza del campo e la libertà religiosa dei rifugiati.

Sinai - Egitto:- La tragedia, le stragi e l'orrore che ogni giorno vengono perpetrati sotto gli occhi di tutta la comunità internazionale, senza che nessuno si è impegnato realmente per combattere il traffico di esseri umani e il traffico di organi, dove sono stati risparmiati neanche bambini, oggi il mercato degli schiavi al macello è molto fiorente, ad oggi abbiamo circa 2000 prigionieri nelle mani dei trafficanti che hanno trovato nel territorio del Sinai una zona franca, un territorio senza presenza di uno stati di diritto, una regione del mondo dove vige la legge dei mercanti di schiavi di lontana memoria. Tutto oggi riceviamo segnalazioni di atrocità che vengono commesse nel Sinai, in territorio egiziano senza che il governo egiziano faccia un minimo sforzo per contrastare questo crimine contro l'Umanità, sono migliaia di giovani e bambini che mancano all'appello, siamo conviti che si trovino nelle tante fosse comuni sparsi in territorio egiziano, non comprendiamo il perché del tanto silenzio di tutta la comunità internazionale, perché non bastano dei semplici contatti diplomatici dal momento che non hanno dato nessun risultato, le persone nel Sinai continuano a morire, le donne continuano a subire violenze sessuali e fisiche, testimonianze terrificanti "di una donna con una bambina, che costringono la donna ad assistere mentre la figlia di due anni muore lentamente di fame, perché i trafficanti impediscono alla madre di dare da mangiare alla figlia finché lei non pagherà il riscatto" quando la donna si è ribellata, hanno cosparso di benzina i capelli della donna hanno dato fuoco, ora la donna versa in gravissime condizioni. Fino quando dobbiamo assistere a queste atrocità prima che le autorità competenti mettano fine a tutto questo? Facciamo urgente Appello a tutti gli organismi internazionali e tutte le NGO impegnate per la lotta contro il traffico di esseri umani e di organi, in favore per il rispetto dei diritti umani si facciano sentire per chiedere la fine di questi crimini terribili che stanno falciando centinaia di profughi nel loro viaggio di speranza verso Israele.

Fr. Mussie Zerai