sabato 17 gennaio 2015

Migrant workers: the exploited, vilified but valuable resource




"We steal the job." "With so many Italians unemployed, particularly young people, there is no place for immigrants: first Italians!". "They are a burden to the state and to our economy, especially at a time of crisis like the one that paralyzed the country for years." Slogan of this content are on the agenda. Increasingly frequent. Were the common thread of all the latest protests. Sometimes having a vast, actually as large as Rome, Milan, Turin. Other times limited to smaller cities and, therefore, less sensational. But just as dangerous. And in the wake of these events is growing opinion that continue to welcome migrants is likely to aggravate the social and economic tensions that occur not only in Italy but in other European countries: suffice it to mention the recent protests in Germany. This view (but it would be more accurate to call it a bad "commonplace") does not take into account that the majority of immigrants arrived in the last few years (especially in 2014) from Africa and the Middle East are refugees and asylum seekers. People, that is, who have had to leave their country to escape war and persecution, and that should be welcomed, according to international law, because their is a "flight for life." It is, in essence, a matter of respect for human rights, beginning with those in the very life and freedom.
Apart from that, however, from the point of view of economic migrants are not a problem but a resource for the countries that receive them. In particular for Italy, where the balance between costs and benefits is strongly in favor of the insured benefits from the presence of foreign workers. Enough to remember that produce on average between 9 and 10 percent of the national GDP but, to go into details, this comes across even more evident.
A study published in December 2013 by Senator Luigi Manconi (Pd) and the sociologist Valentina Brinis shows that migrants are essential in important areas such as health, construction, trade, steel, agriculture and agribusiness, included (albeit with tasks of manual labor or otherwise low-level) the chain of some of the finest products made in Italy. Cattle farms of the Po Valley, which are the basis for the production of Parmesan, for example, workers are mostly foreigners: they who have given solution to the crisis of the milkers, herdsmen, the staff at the stables. The same happens in the southern Lazio for herds of buffaloes, which is linked to the famous mozzarella exported worldwide. Ditto for the nursery activities: in the greenhouses of the province of Latina, exporting flowers and ornamental plants in half of Europe, the workers are overwhelmingly foreign. In a recent meeting, the president of the farmers of Lazio, Sergio Ricotta, he explicitly said: "Without migrant workers, many of us would have to close businesses or otherwise be in serious difficulties." Why? Why, despite the crisis, Italians this kind of work no longer want them. Namely: the presence of migrants does not compete with the Italians. No "stealing work".
Even more telling is a study published last November by the foundation Leone Moressa of Venice, which shows that, by adding the tax revenue and the contributory revenue for state coffers due to foreigners in 2013 exceeded 16.6 billion euro. By contrast, the state has spent on foreign (school, social services, health, justice, security, etc.) Just over 12.6 billion. That is, in 2013 Italians have "earned" about 4 billion euro by the presence of migrants. A figure that corresponds to the revenue IMU on the first house, which is considered an essential element in the state budget. And it is a fact of life: that far in average annual assets that immigration leaves the Italian economy. Not to mention the social benefits. Some indirect, such as at least partial rebalancing of the rate of population aging, which is worrying, but it would be even more evident without the presence of so many young immigrants and is known, as noted by the Censis, that a company is more "old" most tend to withdraw into himself, unable to look forward to. But other benefits are much more direct and immediately measurable in economic terms. As the assistance provided by approximately 830 thousand BandAntica to over one million elderly and dependent persons, who otherwise might burden the health care system, with a cost of hundreds of millions of euro a year. "That million seniors - Gian Antonio Stella wrote in the Corriere della Sera - are four times as many patients in public facilities. If you were to deal with the state, hello: a bed, from the purchase of land for the construction of the structure, from furniture to linens, costs 150 thousand euro. For a million patients should shell out 150 billion. And then take (eight people every ten beds) 800 000 employees, for a total expenditure annually (26 000 euro each) of almost 21 billion. More miscellaneous expenses. "
In light of these data, we would have to open the doors to foreigners. Welcome them all, as the headline his research Senator Manconi. Instead, not only in general are viewed with suspicion as a minimum, but face discrimination continued. This was revealed in no uncertain terms that the OECD, in a report published last July, essentially says that migrants work harder and earn less than the Italians. "Immigrants - the researchers write - are disproportionately employed in precarious jobs, low-skilled, poorly paid and often victims of discrimination and selective redundancies, with little chance to access more qualified jobs."
It is easy to switch from discrimination exploitation and abuse. But even worse. This is demonstrated by a series of incidents come to light in recent years. It is worth mentioning some of the most severe cases and recent.

Rome. Minor slaves to the food center. Egyptian boys, guests typically of shelters, working over 12 hours a day for twenty euro. He revealed the weekly L'Espresso with a report published in late November. A work in black, but planned from before the departure from Egypt. "Every day - writes Rosita Factor - dozens of children climbing over the fences of the food center, eluding the vigilance of agents that control the entire area. They work to move boxes of fruit for the whole day, for 20 euro compensation. "The agreement provides that families have signed at home, when they left, thinking maybe to make their fortune. The result is a system of illegal hiring organized by Egyptian immigrants but, it is to believe, with a widespread network of complicity in Italy. The direction of the Dear intensified supervision and arrived to make up to 200 rejections per day of illegal workers. But it is not easy: there have been even aggression against workers in order. A dangerous signal, which suggests the presence of a racket decided to establish a criminal of laborers in the food center of Rome, the largest in Italy, by exploiting the work of migrants.

Ragusa. Romanian slaves in greenhouses. Even this scandal was raised by an investigation of the weekly L'Espresso, last October. However signals and complaints date back much earlier. In particular, he spoke often, unheard, father Benjamin Sacco, a pastor of the small town of Vittoria. The province of Ragusa, the "city of the first fruits," is one of the most important fruit districts of Italy. A sea of greenhouses in which they work more than five thousand women, mostly Romanian. And precisely the Romanian, the weak, the victims of the abuses that, as is clear from the investigation, have reduced almost to slavery. "They live segregated in the country, often with young children - writes Antonello Mangano, the author of the report - in total isolation suffer all kinds of violence, including sexual. Everyone knows and nobody talks about. "Needless to add that the wage, whole or in part, is almost always in black.

Latina. Laborers junkies to resist fatigue. And 'one of the most striking cases of inhuman exploitation of foreign workers, so as to have "earned" in 2014 a chapter in "Immigration", the file statistics published each year by the National Office Against Racial Discrimination (UNAR). A proven, well-structured and organized to make the most from the work of Indian laborers (mostly Sikhs originating in Punjab) emigrated in the Pontine Marshes. The survey brought to light non-profit association "On Migration", the battle which was then joined the CGIL. The investigation, conducted on the basis of a series of testimonies and field testing, there was a widespread organization that behind the apparent legality, hid very low wages (on average 3 euro per hour in front of the national contract 8,26 ); unreasonable hours, up to 12 and more working hours per day (against 6.40 provided by the national contract) and often inadequate housing conditions to say the least. Not to mention a "gray" area hidden in the folds of the rules in order to escape controls. For example, payroll and contracts in order, but the trick to account for far fewer hours or days of those actually worked, up to the limit case of a worker who is employed for only two days despite having worked for nearly a month. A work in the fields or in greenhouses, heavy and often without breaks during the day, to the point of forcing some laborers to take drugs to withstand the physical and psychological fatigue. As demonstrated by a parallel investigation conducted by the prosecutor and the squad of the police headquarters in Latin America, also worked a manpower recruitment, with Italian and Indian intermediaries, through a criminal organization dedicated to assisting illegal immigration.

Campania and Puglia. Laborers exploited. A system of illegal hiring and exploitation similar to that of the Sikhs and Indian laborers of the Pontine works for years in the countryside of Puglia and Campania (particularly in the province of Caserta) for a variety of seasonal jobs extremely tiring: tomato harvesting, collecting olives, etc. The technique is the same: black and piecework payments (so much per box filled); payroll apparently regular but covering only a small part of the days actually worked; recruitment through corporals to whom we paid a share of the salary; Payments made from the same corporals, taking almost as a placement agents, giving virtually "rent" to the companies entire teams of workers. Increasingly rare, also enlisting random daily, replaced by teams, mostly, always by the same men, and to be used for longer or shorter periods.

Rosarno. Exploitation and racist pogroms. Exploitative situations similar to those recorded in Campania and Puglia have emerged in January 2010 for the foreign laborers employed in the collection of citrus fruits in the plain of Gioia Tauro, in Calabria. With more heavy racist implications. To bring everything to light was a real revolt laborers, exploded on 8 and 9 January, followed by a true "hunt black".
The findings of fact seems a chronicle of war. The spark are some shots of air gun fired by three thugs against a group of young Africans who, after a day's work in the citrus groves, is returning to Rognetta, an old factory converted into a makeshift dormitory, on the outskirts of Rosarno, a town of 15 000 inhabitants. Two were injured. The aggression unleashed the anger of some five thousand foreign workers of the plain. Hundreds of their reach in procession Rosarno, putting it on fire: destroyed cars, shop windows smashed, shops assault, beating passers-by. When the police intervene, begins a real urban warfare. The entire area is manned forces, almost put under siege, but the day after the protest on again, with new clashes. The migrants (as in a similar revolt took place, always in Rosario, in December 2008) denouncing exploitation, racist contempt, lack of reception facilities and integration, despite their seasonal work is vital to the economy of the plain and the same Calabria. Many speak of exploitation run by the 'Ndrangheta through a network of corporals: 25 € per day (of which 5 to be paid to Corporal) for 10, 12 hours of work in the citrus groves, at least in part belonging to mafia clans. In the country, already the second day, they form groups of "self-defense" among the inhabitants, followed by patrols armed with iron bars and often rifles, sifting town and country, hitting foreign isolated or in small groups, the houses of several immigrants, makeshift shelters laborers, giving them to the flames. A climate of pogroms, which induces Prefecture Government and to order the eviction of all immigrants in the area.
  Incidents of exploitation and often racism as these are still there, despite all the real data demonstrate how the work of foreigners is essential for the Italian economy. One wonders what the reasons for this apparent contradiction. Probably a lot depends on misinformation, stereotypes, prejudices. Enhanced insecurity and fears caused by the economic crisis affecting the country for years. Ridden or otherwise manipulated by the political right and the extreme right, including openly neo-fascist groups like Forza Nuova and Casa Pound, who found a bank involved in the Northern League. And veined also a good dose of xenophobia.
It 'a very worrying situation: the result is a result which could become uncontrollable. The agency Habeshia appeals to the Government, the Parliament, the unions, to all democratic forces to intervene forcefully to ensure regularity and safety to all migrants, like the Italians.
A few days ago we celebrated the World Day of migrant workers and their families, established to highlight the importance of the International Convention on the Protection of the rights of migrant workers, in fact, voting at the United Nations on 18 December 1990 at the end a grueling journey that lasted two decades. To date, in December 2014, twenty-five years to the day since that vote, Italy has not yet signed and adopted the Convention. Just this week the Parliament is launching the reform on the job. Arrive soon, by the government, even the decision to make its recommendations voted on by the UN in 1990, would be an important signal against all oppression and exploitation that continue to occur towards migrants. Provided that, as too often happens, the commitments contained in the agreement do not remain only on paper. The first test could be, right in a year, the World Day of 2015.
Fr. Mussie Zerai

The Catholic Church will celebrate, January 18 the 101 ° World Day of Migrants and Refugees

Press release.

It seems like yesterday and yet has already been a year since the last World Day of Migrants and Refugees, which the Catholic Church will again be celebrated on 18 January. The Holy Father Francis, with his memorable visit to Lampedusa, His repeated calls to respect the dignity and human rights of all migrants and refugees, to last his message for the World Day of Migrants and Refugees, sollecitta all of us men and women , believers and non-believers, to solidarity with those in need, who is forced to leave his country, those who are victims of war, persecution, trafficking and slavery.
https://w2.vatican.va/content/francesco/it/messages/migration/documents/papa-francesco_20140903_world-migrants-day-2015.html
 But looking at the political landscape and cultural heritage there is little to celebrate. It 'was, this past year, a year that began with high hopes and unfortunately closes instead with deep disappointment. Sure, there is the undeniable, precious result of having helped and saved very often, with the operation Mare Nostrum, over 168 000 asylum seekers, making them disembark in Italian ports. And 'the topic of which more has been talked about in the past twelve months, the media and the "feel" of the people. Much less has been spoken of the more than 3,600 who do not have it made: other 3,600 deaths in a year, an average of ten per day, which drive up to well over 23 000 on account of broken lives across the Mediterranean since 2000.
Remains the enormous importance of the chain of saves ensured by the dedication of the Italian Navy. But, as important, this is the only positive note in the entire span of this year, however, came from an emergency and now finally ended, while remain the same, even worse, all the causes that drive so many, too many young people in leave their country, because in the escape is the only way to escape from wars, dictatorships, terrorism, persecution. It happens all over the Middle East and has been the case in every corner of Africa: the eastern region, the sub-Saharan Africa, the western and equatorial.
Yet last January we started with great hope: the hope that finally the Fortress Europe you decide to open a little 'more its doors and, more generally, that began to change its policy - and that of the whole North of the world - to the countries from which come all these refugees. Authorizing these expectations the many commitments that many voices, the European Union, Italy and many other countries have taken in the aftermath of the massacre of Lampedusa when, October 3, 2013, all those dead for a time it seemed that began to weigh on the conscience of the "powerful of the earth" and the international community. Mare Nostrum was born in the wake of this emotion. And the Italian Presidency of the EU, for the second half of 2014, you could see that probably just Mare Nostrum could have become the symbol of the turn, overcoming the initial design of police operation aimed at the maritime border control, to become the first project European organic relief, as part of a general change of policy on emigration.
So many have interpreted the repeated statements of the premier Italian, Matteo Renzi, who repeatedly challenged Europe to think more to "save the banks" rather than to "save lives". Expected, in fact, that in the wake of these "calls" his presidency of the European left their mark, with acts and concrete measures. Three in particular: the transformation of Mare Nostrum in permanent program, with the contribution of all European governments; decided the launching of a plan for a single reception system for all of Europe, accepted and applied by each Member State of the Union; the abolition or at least review - as a first step of this plan - Dublin 3 of the Treaty, that the placing of the refugees to the first European country in which they ask for help, results in a violation of freedom of residence and movement, creating situations great suffering and often occasions of abuse against refugees.
None of this has been achieved, or at least has been set. Much to ask that they not only sense the commitments made in the aftermath of the sinking of Lampedusa and, even more, those reaffirmed emphatically just twelve months after, on the anniversary of the massacre, when the island was again filled with representatives leading the European Union, the Italian government, a number of other states.
It is worthwhile, then, to briefly point to individual "chapters". If only as a reminder for those "powerful of the earth" in which he addressed Pope Francis, in early July of 2013, just from Lampedusa, choice not by chance to reiterate the need to "go to the suburbs." It was his first pastoral visit outside the walls of the Vatican: a few months later, the tragedy of 3 October confirmed as his words were well founded.

The victims. According to data released by UNHCR and IOM, during the year there were at least 3,600 victims in the Mediterranean between the dead and missing. There are about 2 percent compared to those who have made it to escape. It might seem a percentage not too high, but it's broken lives: 3,600 lives. And it is only a partial census: are not, for example, how many have died in the Sahara or in any case in the countries of transit to the North African shore of the Mediterranean and in Libya, a black hole definitely huge but which has never investigated . Not to mention the hundreds of deaths in the Red Sea, an escape increasingly beaten after they become more difficult or have even closed other routes (to Sinai and Israel, for example) connected to the Mediterranean.

Mare Nostrum and Frontex-Triton. The heavy death toll is likely to multiply due to the abolition of Mare Nostrum. In its place, as of November 1, 2014, now operates Triton, the European mission managed by the agency Frontex, which has the mandate to oversee the southern borders of the Union but whose vessels, less than a third of those fielded the Italian program, limited to patrolling a stretch of just 30 miles, just over the territorial waters of the various EU states. The effects were seen immediately with a tragic chain of new shipwrecks and more deaths. Brussels is justified by claiming that there is still a mandate to provide assistance in case of need. But it is clear that it is one thing to intervene from a distance of a few miles from the emergency situation, it is one thing to intervene territorial waters, with hundreds of miles of sea front to go. They denounced the United Nations itself: "There is a fear - challenged Francois Crepeau, UN special rapporteur on the rights of migrants - that without an operation such as Mare Nostrum thousands of people will die."

Reception system. There is no trace, not even as a proposal, the desire to get to a single host, the same for all Member States of the Union. Yet this is precisely the key not only to ensure a program of acceptance and inclusion of dignity for refugees in Europe, but in order to concretely implement those "channels of legal migration" (the so-called humanitarian corridors and the ability to submit applications asylum directly to the European embassies in Africa) are the only truly effective tool to exclude migrants from the blackmail of human traffickers and smugglers. Unheeded by the political appeals in this sense of various NGOs and UNHCR itself.
Not only. The lack of a single European program allows you to leave in force reception systems have proved largely ineffective and inadequate, if not worse, such as Italian and greek which, by the refugees "non-persons" without rights, creating a huge reservoir of black labor and exploitation and which have been repeatedly condemned by the European Court for Human Rights.

Mafia capital: the exploitation of despair. The investigation "Mafia capital" raised the suspicion that the breakdowns and delays of the reception system Italian are driven at least in part, in order to perpetuate a mechanism on which profit from large criminal organizations that have put their hands on the management of centers for asylum seekers and migrants (CPA, Cara, Cie, etc.). Beyond the criminal liability and criminal offenses over which the judiciary is doing light, appear more obvious that the delays and the very serious responsibility of politics. And 'absurd that anyone, at all levels (government, regions, provinces, municipalities, representatives of organizations that bring together co-operatives and institutions under indictment), has never raised the issue of how they managed the shelters despite the repeated complaints of many NGOs and the frequent protests of refugees, resulted in thick authentic riots. And even more absurd is that neither the government nor any political force have taken the opportunity to propose to implement a radical reform of the system, perhaps along the lines of the most functional of other European countries and in view of arriving, in fact, to a unique system across the Union. And 'one of missed opportunities to give a sign of real commitment to innovation: for Italy but also for Europe.

Italian foreign policy and the EU in the Horn of Africa. Probably even in the wake of the call made by Bruxelle in November 2013 Italy to "do more" for its former colonies, particularly Eritrea and Somalia, in 2014 has intensified the attention of the Ministry of Foreign Affairs the Horn of Africa. The first signal has had with the official visit made by the Deputy Minister for Foreign Lapo Pistelli in all countries of the region. E 'followed, in late November, the signing in Rome of the so-called Process of Khartoum, an agreement between the European Union and governments of Africa Maghreb and Eastern Europe for the control of migration. The treaty was presented as a tool for fighting organizations of trafficked human beings in cooperation with the countries of origin of refugees, those of transit and first stop. In fact, the characteristics of the planned measures appear to configure the construction of a further barrier to block migrants away from Europe, even before they arrive to the shores of the Mediterranean. That is: a further externalization of borders of Fortress Europe, moving further south. No matter at what price.
Not only. The start of these talks "in the dark", without any conditions ruling and without posing the need to "run the show", are proving to be an unexpected opening of credit by Italy and the European Union against some African countries.
One wonders what other interests unmentionable hide this political choice, in addition to building new barriers beyond which block the refugees.
That's why there is not much to celebrate the World Day of Migrants and Refugees. This appointment will only make sense if it tries to deal with these problems, asking forcefully in Brussels, national governments, institutions, in a word, to politics, to get them to solution within a reasonable time. Otherwise it risks becoming a sterile ceremony. Almost an alibi for those who have the responsibility, the power and the duty to respond to the thousands of young men and women, who are knocking at the doors of Europe to be recognized as having the most basic human and civil rights, beginning with the right to life same.
Fr. Mussie Zerai

18 gennaio, Giornata mondiale del migrante e del rifugiato.

Comunicato stampa.
  
Sembra ieri e invece è già passato un anno dall’ultima Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, che la Chiesa Cattolica tornerà a celebrarsi il 18 gennaio. Il Santo Padre Francesco, con la Sua memorabile visita a Lampedusa, i Suoi ripetuti appelli al rispetto della dignità umane e diritti di tutti Migranti e Rifugiati, per ultimo il Suo messaggio per la giornata mondiale del Migrante e Rifugiati, sollecita tutti noi uomini e donne, credenti e non credenti, alla solidarietà verso chi è nel bisogno, chi è costretto a lasciare la sua terra, chi è vittima della guerra, persecuzioni, traffici e schiavitù.
https://w2.vatican.va/content/francesco/it/messages/migration/documents/papa-francesco_20140903_world-migrants-day-2015.html
 Ma guardando il panorama politico e culturale europeo c’è ben poco da celebrare. E’ stato, questo appena trascorso, un anno iniziato con grandi speranze e che purtroppo si chiude invece con profonda delusione. Certo, c’è l’innegabile, prezioso risultato di aver aiutato e assai spesso salvato, con l’operazione Mare Nostrum, oltre 168 mila richiedenti asilo, facendoli sbarcare nei porti italiani. E’ l’argomento di cui più si è parlato in questi ultimi dodici mesi: sui mass media e nel “sentire” della gente. Molto meno si è parlato degli oltre 3.600 che non ce l’hanno fatta: altri 3.600 morti nell’arco di un anno, una media di dieci al giorno, che fanno salire a ben oltre 23 mila il conto delle vite spezzate nella traversata del Mediterraneo dal 2000 a oggi.
Resta comunque l’importanza enorme della catena di salvataggi assicurata dalla dedizione della Marina Militare italiana. Ma, per quanto importante, questa è l’unica nota positiva nell’intero arco di quest’anno, nata da un’emergenza e peraltro ormai definitivamente conclusa, mentre restano inalterate, anzi aggravate, tutte le cause che spingono tanti, troppi giovani a lasciare il proprio paese, perché nella fuga è l’unica via di scampo da guerre, dittature, terrorismo, persecuzioni. Accade in tutto il Medio Oriente e accade ormai in ogni angolo dell’Africa: la regione orientale, quella sub sahariana, quella occidentale ed equatoriale.
Eppure lo scorso gennaio si è partiti con una grande speranza: la speranza che finalmente la Fortezza Europa si decidesse ad aprire un po’ di più le sue porte e, più in generale, che cominciasse a cambiare la sua politica – e quella di tutto il Nord del mondo – nei confronti dei paesi da cui arrivano tutti questi profughi. Autorizzavano queste aspettative i tanti impegni che a più voci l’Unione Europea, l’Italia e numerosi altri Stati hanno assunto all’indomani della strage di Lampedusa quando, il 3 ottobre 2013, tutti quei morti per una volta almeno sembrava che cominciassero a pesare sulla coscienza dei “potenti della terra” e della comunità internazionale. Mare Nostrum è nato sulla scia di questa emozione. E il semestre italiano di presidenza Ue, per la seconda metà del 2014, lasciava intravedere che probabilmente proprio Mare Nostrum sarebbe potuto diventare il simbolo della svolta, superando il progetto iniziale di operazione di polizia destinata al controllo delle frontiere marittime, per diventare il primo progetto europeo organico di soccorso, nell’ambito di un generale cambiamento della politica sull’emigrazione.
Così molti hanno interpretato le ripetute dichiarazioni del premier italiano, Matteo Renzi, che più volte ha contestato all’Europa di pensare di più a “salvare le banche” piuttosto che a “salvare vite umane”. C’era da aspettarsi,  in effetti, che sulla scia di questi “richiami” la sua presidenza europea lasciasse il segno, con atti e provvedimenti concreti. Tre in particolare: la trasformazione di Mare Nostrum in programma permanente, con il contributo di tutti i governi europei; il deciso avvio di un piano per un sistema di accoglienza unico per tutta l’Europa, accettato e applicato da ognuno degli Stati membri dell’Unione; l’abolizione o quanto meno la revisione – come primo passo di questo piano – del trattato Dublino 3, che vincolando i profughi al primo paese Europeo a cui chiedono aiuto, si risolve in una aperta violazione della libertà di residenza e movimento, creando situazioni di grande sofferenza e spesso occasioni di sopruso nei confronti dei profughi.
Nulla di tutto questo si è realizzato o quanto meno è stato impostato. Tanto da chiedersi che senso abbiano non solo gli impegni presi all’indomani del naufragio di Lampedusa e, ancora di più, quelli ribaditi con enfasi giusto dodici mesi dopo, nell’anniversario della strage, quando l’isola si è di nuovo riempita di rappresentanti di primo piano dell’Unione Europea, del governo italiano, di numerosi altri Stati.
Vale la pena, allora, fare brevemente il punto per singoli “capitoli”. Se non altro come promemoria per quei “potenti della terra” a cui si è rivolto papa Francesco, all’inizio di luglio del 2013, proprio da Lampedusa, scelta non a caso per ribadire la necessità di “andare verso le periferie”. Era la sua prima visita pastorale fuori dalle mura del Vaticano: pochi mesi dopo, la tragedia del 3 ottobre ha confermato come le sue parole fossero fondate.

Le vittime. Secondo i dati diffusi dall’Unhcr e dall’Oim, nell’arco dell’anno ci sono stati almeno 3.600 vittime nel Mediterraneo tra morti e dispersi. Sono circa il 2 per cento rispetto a quanti ce l’hanno fatta a salvarsi. Potrebbe sembrare una percentuale non troppo elevata, ma si tratta di vite spezzate: 3.600 vite. Ed è solo un censimento parziale: non vi figurano, ad esempio, quanti hanno trovato la morte nel Sahara o comunque nei paesi di transito verso la sponda maghrebina del Mediterraneo e in Libia, un buco nero sicuramente enorme ma su cui non si è mai indagato. Senza contare le centinaia di morti nel Mar Rosso, una via di fuga sempre più battuta dopo che sono diventati più difficili o si sono addirittura chiusi altri itinerari (verso il Sinai e Israele, ad esempio) collegati al Mediterraneo.
Mare Nostrum e Frontex-Triton. Il pesantissimo conto delle vittime rischia di moltiplicarsi a causa dell’abolizione di Mare Nostrum. Al suo posto, a partire dal primo novembre 2014, opera ora Triton, la missione europea gestita dall’agenzia Frontex, che ha il mandato di vigilare sui confini meridionali dell’Unione ma le cui navi, meno di un terzo di quelle messe in campo dal programma italiano, si limitano a pattugliare una fascia di appena 30 miglia, poco più delle acque territoriali dei vari Stati Ue. Gli effetti si sono visti subito con una tragica catena di nuovi naufragi e nuovi morti. Bruxelles si giustifica asserendo che comunque c’è il mandato di assicurare i soccorsi in caso di necessità. Ma appare evidente che un conto è intervenire da una distanza di poche miglia dalla situazione di emergenza, un conto è intervenire dalle acque territoriali, con davanti centinaia di miglia di mare da percorrere. Lo hanno denunciato le stesse Nazioni  Unite: “C’è il timore – ha contestato Francois Crepeau, relatore speciale Onu per i diritti dei migranti – che senza un’operazione come Mare Nostrum migliaia di persone moriranno”.
Sistema di accoglienza. Non c’è traccia, neanche come proposta, della volontà di arrivare a un sistema unico di accoglienza, uguale per tutti gli Stati membri dell’Unione. Eppure è proprio questa la chiave di volta non solo per garantire un programma di accettazione e inclusione sociale dignitosa per i profughi in Europa, ma per poter concretamente attuare quei “canali di emigrazione legale” (i cosiddetti corridoi umanitari e la possibilità di presentare le richieste di asilo direttamente alle ambasciate europee in Africa) che sono l’unico vero strumento efficace per sottrarre i migranti al ricatto dei trafficanti di esseri umani e degli scafisti. Inascoltati dalla politica gli appelli in questo senso di varie Ong e della stessa Unhcr.
Non solo. La mancanza di un programma unico europeo consente di lasciare in vigore sistemi di accoglienza dimostratisi ampiamente inefficienti e inadeguati, se non peggio, come quelli italiano e greco che, facendo dei profughi “non persone” senza diritti, creano un enorme serbatoio di lavoro nero e sfruttamento e che sono stati ripetutamente condannati dalla Corte Europea per i diritti umani.
Mafia capitale: lo sfruttamento della disperazione. L’inchiesta “Mafia capitale” ha sollevato il sospetto che le disfunzioni e le lungaggini del sistema di accoglienza italiano siano almeno in parte pilotate, al fine di perpetuare un meccanismo su cui lucrano grosse organizzazioni malavitose che hanno messo le mani sulla gestione dei centri di accoglienza per richiedenti asilo e migranti (Cpa, Cara, Cie, ecc.). Al di là delle responsabilità penali e dei reati sui quali sta facendo luce la magistratura, appaiono più che evidenti i ritardi e le gravissime responsabilità della politica. E’ assurdo che nessuno, a tutti i livelli (Governo, Regioni, Province, Comuni, rappresentanti delle organizzazioni a cui fanno capo le cooperative e le istituzioni sotto accusa), si sia mai posto il problema di come siano gestiti i centri di accoglienza nonostante le ripetute denunce di numerose Ong e le frequenti proteste dei profughi, sfociate spesse in autentiche sommosse. Ed ancora più assurdo è che né il Governo, né alcuna forza politica abbiano colto l’occasione per proporre di attuare una riforma radicale del sistema, magari sul modello di quelli più funzionali di altri paesi europei e in vista di arrivare, appunto, a un sistema unico in tutta l’Unione. E’ un’altra delle occasioni perdute di dare un segnale di reale volontà di rinnovamento: per l’Italia ma anche per l’Europa.
Politica estera italiana e Ue nel Corno d’Africa. Probabilmente anche sulla scia dell’invito formulato da Bruxelle nel novembre 2013 all’Italia di “fare di più” per le sue ex colonie, in particolare l’Eritrea e la Somalia, nel corso del 2014 si è intensificata l’attenzione della Farnesina per il Corno d’Africa. Il primo segnale si è avuto con la visita ufficiale fatta dal viceministro agli esteri Lapo Pistelli in tutti i paesi della regione. E’ seguita, a fine novembre, la firma a Roma del cosiddetto Processo di Khartoum, un accordo tra Unione Europea e vari governi dell’Africa maghrebina e orientale per il controllo dell’emigrazione. Il trattato è stato presentato come uno strumento di lotta alle organizzazioni dei trafficati di esseri umani in collaborazione con i paesi d’origine dei profughi, quelli di transito e di prima sosta. In realtà, le caratteristiche degli interventi previsti sembrano configurare la costruzione di una ulteriore barriera per bloccare i migranti lontano dall’Europa, prima ancora che arrivino alle sponde del Mediterraneo. Ovvero: una ulteriore esternalizzazione dei confini della Fortezza Europa, spostandoli sempre più a sud. Non importa a che prezzo.
Non solo. L’avvio di questi colloqui “al buio”, senza porre alcuna condizione pregiudiziale e senza porsi la necessità di “condurre il gioco”, si stanno rivelando una insperata apertura di credito da parte dell’Italia e dell’Unione Europea nei confronti di alcuni paesi Africani.
C’è da chiedersi quali altri interessi inconfessabili nasconda questa scelta politica, oltre alla costruzione di nuove barriere al di là delle quali bloccare i profughi.
Ecco perché non c’è molto da celebrare nella Giornata mondiale del migrante e del rifugiato. Questo appuntamento avrà senso solo se cercherà di affrontare questi problemi, chiedendo con forza a Bruxelles, ai Governi nazionali, alle istituzioni, in una parola alla politica, di portarli a soluzione entro un tempo ragionevole. Altrimenti rischia di diventare una cerimonia sterile. Quasi un alibi per chi ha la responsabilità, il potere e il dovere di dare risposte alle migliaia di giovani, uomini e donne, che bussano alle porte dell’Europa per vedersi riconosciuti i più elementari diritti umani e civili, a cominciare da quello alla vita stessa.

 Don Mussie Zerai

martedì 30 dicembre 2014

"Lieber Baba, hilf uns schnell!"

Der katholische Priester Abba Mussie Zerai ist Eritreer und lebt in der Schweiz – seine Telefonnummer ist die letzte Hoffnung für viele Flüchtlinge auf dem Mittelmeer. http://www.badische-zeitung.de/ausland-1/lieber-baba-hilf-uns-schnell--97974117.html

  1. Viele Afrikaner stranden auf der italienischen Insel Lampedusa, andere hingegen überleben die Reise nicht. Foto: dpa/Frenzel
  2. Immer am Telefon: der Priester Abba Mussie Zerai Foto: Veronica Frenzel
  3. Viele Afrikaner stranden auf der italienischen Insel Lampedusa, andere hingegen überleben die Reise nicht. Foto: dpa/Frenzel
Die SMS leuchtet grün auf dem Telefondisplay, auf Englisch: "Lieber Baba, hilf uns schnell. Wir haben kein Essen, kein Wasser, und der Handyakku ist fast leer." Mussie Zerai wischt sie weg. "35,47/ 16,67, 35. Breitengrad, 16. Längengrad", erklärt er. "Mittelmeer, zwischen Libyen, Malta und Sizilien." Die Nachricht hat ihm am 2. Oktober ein Eritreer geschickt, aus dem Mittelmeer, irgendwo zwischen Libyen, Malta, Sizilien. Ein Bootsflüchtling auf dem Weg nach Europa. Zerai hat die GPS-Daten gleich weitergeschickt, an die Seenotrettung, an die Küstenwachen. Jetzt schaut er auf die Nachricht, eine tiefe Falte teilt seine Stirn. "Wenn ein Boot noch in libyschen Gewässern ist, fühlen sich Italien und Malta nicht verantwortlich. Dann müssen andere helfen." Andere, wie die libysche Küstenwache, von der er weiß, dass sie Migranten nicht gut behandelt.

Der Eritreer ist einer von Tausenden, die in den vergangenen zehn Jahren bei Abba Mussie Zerai Hilfe gesucht haben. Auch er selbst stammt aus Eritrea, ist katholischer Priester und arbeitet derzeit in einer Gemeinde bei Aarau, in der deutschsprachigen Schweiz. Er ist ein kleiner Mann von 39 Jahren; er sieht älter aus. Die Haare sind grau meliert, es sind nicht mehr viele, um die Augen haben sich Falten eingegraben.
Seine Telefonnummer ist seit dem Sommer 2004 so etwas wie die letzte Hoffnung für Bootsflüchtlinge. Sie kursiert unter den Migranten aus Eritrea, Somalia und Äthiopien. Sie steht an Wänden von Flüchtlingslagern in Libyen und an Decks von Flüchtlingsbooten. Jemand hatte die Nummer auch ans Deck des Boots geschrieben, das am 3. Oktober 2013 vor Lampedusa sank. So erzählte es ein Überlebender des Unglücks, bei dem unmittelbar vor der Insel 366 Menschen ertranken. Der Mann sagte auch, dass er und die anderen Passagiere fest daran glaubten, Mussie Zerai könne ein Rettungsboot schicken, egal, wo sie seien. Das Schiff sank dann aber so schnell, dass niemand mehr Zeit hatte, anzurufen. Die Küstenwache in Italien schätzt, dass er schon 6000 Menschen das Leben gerettet hat, mindestens. Zerais Telefonrechnungen betragen umgerechnet manchmal mehrere Tausend Euro im Monat. Um sie bezahlen zu können, gründete er vor acht Jahren die Hilfsorganisation Agenzia Habeshia. Zunächst nutzte er die Organisation tatsächlich nur, um Spenden für die Telefonkosten zu sammeln. "Aber irgendwann merkte ich, dass ich nicht nur die kleinen Feuer löschen kann, sondern dass ich den ganzen Brand löschen muss."

Er begann, mit seiner Organisation Lobbyarbeit für die Bootsflüchtlinge zu machen. Seitdem geht er ins italienische Fernsehen, wenn ein Schiff in Seenot nicht gerettet wurde, spricht im Radio, schickt E-Mails an Journalisten, Politiker und Flüchtlingshilfsorganisationen. Auch mit dem Netzwerk "Watch The Med", das versucht, Schiffsunglücke zu rekonstruieren, um die Verantwortlichen zur Rechenschaft zu ziehen, arbeitet er zusammen. Vor zwei Wochen haben die Aktivisten eine zweite Notrufnummer für Bootsflüchtlinge eingerichtet, das "Alarm Phone", rund um die Uhr sitzen in ganz Europa Menschen, die mehrere Sprachen sprechen, vor den Apparaten, auch ehemalige Bootsflüchtlinge. "Zerai hat den Friedensnobelpreis verdient", sagt ein Mitarbeiter von "Watch The Med".

Bevor Mussie Zerai am 2. Oktober die zwei Nachrichten bekam, erhielt er einen Anruf. Es war neun Uhr abends, er war auf Lampedusa zum Jahrestag des Schiffunglücks vom 3. Oktober 2013, mit Überlebenden saß er beim Abendessen. Aufgeregt erklärte ihm ein Mann am Telefon, er sei mitten auf dem Meer, mit Hundert anderen, der Motor des Boots springe nicht mehr an. Mussie Zerai erklärte ihm, wie er die Positionsdaten des Schlauchboots aus dem Satellitentelefon, das ihm der Schlepper geliehen hatte, lesen konnte. "Schick mir die Angaben per SMS", sagte er. Und: "Ich helfe euch. Aber es kann ein wenig dauern, bis Rettung kommt." Es sind die beiden Sätze, die er immer sagt, bevor er auflegt.

Die Daten schickte er dann per Mail an die Einsatzleitung der Küstenwachen von Italien und Malta, an die italienische Seenotrettung. Er übermittelte die Daten auch an ein italienisch-amerikanisches Ehepaar, das seit dem Sommer von Malta aus mit einem 40 Meter langen Motorboot Schiffbrüchigen hilft. Schon in wenigen Wochen hat das Paar mehr als 2000 Menschen vor dem Ertrinken gerettet.

Von dem Eritreer hat Zerai danach nichts mehr gehört, auch von den Rettungskräften hat er keine Nachricht bekommen. Er weiß nicht, ob er und die anderen Flüchtlinge gerettet wurden, ob sie es nach Europa geschafft haben, ob sie nach Libyen gebracht wurden. "Wenn ich nichts mehr höre, ist meistens alles gut gegangen", sagt Zerai, den alle nur Father Mussie nennen. Manchmal passiere es, dass sich ein Flüchtling bei ihm bedankt. "Aber ich erwarte keinen Dank", schiebt er schnell hinterher.

Mussie Zerai sitzt im Foyer des Kongresszentrums der Vereinten Nationen in Genf. Er trägt eine schwarze Hose, ein schwarzes Hemd und das Kollar, den weißen Kragen der Priester. Gleich hält er auf einer Tagung einen Vortag vor NGO-, UN-Mitarbeitern, Politikern, es geht um Migration und Familie. "Lobbyarbeit", sagt er. Am Tag zuvor hat er auf Lampedusa noch mit Politikern gesprochen, auch mit Martin Schulz, dem deutschen Präsidenten des EU-Parlaments.

"Wenn ich mit Politikern rede, fordere ich immer dasselbe", sagt er, "einen Vier-Stufen-Plan": Langfristig soll die Situation in den Herkunftsländern der Flüchtlinge verbessert werden, keiner soll mehr sein Land verlassen müssen. Mittelfristig sollen die afrikanischen Nachbarländer der Krisen- und Kriegsregionen die Flüchtlinge versorgen, ihnen Chancen geben. Kurzfristig soll es legale Fluchtwege nach Europa geben, schon in Afrika soll man Asyl beantragen können, nicht erst in Europa. Und sofort soll mehr in die Rettung von Flüchtlingen in Seenot investiert werden und weniger in Abschottung.

Für Zerai steht Frontex, die europäische Grenzschutz-Agentur, die unlängst zehn Jahre alt geworden ist, für diese Politik der Abschottung – und für den Tod von Tausenden Menschen. Dass im November Frontex Plus gestartet ist, dass es von dann an auch Aufgabe der europäischen Grenzschützer sein soll, Flüchtlinge in Seenot zu retten, ändert nichts an seiner Meinung. "Politiker reden, reden, reden", sagt Mussie Zerai und hämmert mit dem gekrümmten, linken Zeigefinger in die Luft. "Aber meistens haben sie schon nach ein paar Wochen wieder vergessen, was sie gesagt haben. Europa schottet sich weiter ab, anstatt etwas für die Flüchtlinge zu tun." Immerhin, eins habe sich schon zum Besseren geändert: "Seit Beginn von Mare Nostrum" – jener Operation der italienischen Marine und der Küstenwache, die nach dem 3. Oktober 2013 beschlossen wurde, um Flüchtlinge in Seenot zu retten, und die "Frontex Plus" Ende des Monats ersetzen soll, allerdings mit weniger Geld und weniger Schiffen – "hat die italienische Küstenwache immer reagiert, wenn ich sie um Hilfe bat." Das war früher nicht so.

Zerai kam vor 23 Jahren aus Eritrea nach Italien, im Flugzeug und mit einem Visum. Der Bischof der eritreischen Hauptstadt Asmara hatte ihn geschickt. Zerai lernte am Hauptbahnhof von Rom einen britischen Priester kennen, der unbegleiteten minderjährigen Flüchtlingen half, Asyl zu beantragen. Die ersten vier Jahre in Italien übersetzte er für den britischen Priester, arbeitete als Zeitungsausträger und als Verkäufer an einem Obststand, er ging aus, genoss die Freiheiten, die er aus seiner Heimat nicht kannte. Dann lernte er die Scalabrini-Missionare kennen, eine Kongregation, die sich für Immigranten einsetzt. "Als ich im Fernsehen das erste Mal von den Scalibrini erfuhr, war das für mich wie eine Erleuchtung", sagt Zerai heute. Drei Jahre lang studierte er in Piacenza, der Heimatstadt des Gründers der Scalabrini. Anschließend verbrachte er sieben Jahre lang in Rom in einer Scalabrini-Mission. 2010 kam er dann in die Schweiz.

In seinem ersten Jahr in Rom lernte er Afrikaner kennen, die in verlassenen Fabriken und Slums lebten, keine Aufenthaltserlaubnis hatten und kaum Arbeit. Zerai wollte helfen, organisierte in Rom Demonstrationen, forderte in Brüssel eine menschlichere Flüchtlingspolitik. Als er im Jahr 2004 das erste und bisher letzte Mal nach Eritrea zurückkehrte, sah er, wie seine Landsleute, auch sein eigener Bruder, unter der Militärdiktatur litten. Alle Männer über 18 wurden versklavt oder zu jahrelangen Militärdiensten gezwungen. Er gab ein paar Bekannten seine italienische Nummer, sagte, "wenn ihr mal meine Hilfe braucht". Ab da hörte sein Telefon nicht mehr auf zu klingeln.

Seitdem schaltet Mussie Zerai sein Handy nie aus. Morgens gilt sein erster Blick dem Telefon. "Manchmal passiert es, dass ich einen Anruf verpasse, weil ich so tief schlafe", erzählt er mit sanfter Stimme. "Zu spät zurückzurufen, ist mein Albtraum." Er habe seine Stimme trainiert, erklärt er, sie muss beruhigend klingen. "Manchmal ist sie das Einzige, was ich den Flüchtlingen bieten kann."

Das Telefon in seiner Brusttasche vibriert. Auf dem Display blinkt die Nummer eines Satellitentelefons. Ein Flüchtling. "Hello?" Er hört zu, spricht dann minutenlang und ruhig auf Tigrinya, der Amtssprache von Eritrea. "Ein Eritreer aus einem Flüchtlingslager in Libyen", erklärt er dann. "Er sagt, er habe nichts zu essen, nichts zu trinken. Sie sind so viele, dass er sich nicht setzen kann."Mussie Zerai blickt zur Decke. Dann zeigt er auf den Raum, wo er gleich seinen Vortrag halten wird. "Nur die Politiker können wirklich etwas machen."

An einem Januartag im Jahr 2010 drangen fürchterliche Schreie aus seinem Telefon. Er ahnte sofort, da wird jemand gefoltert. "Aufhören", schrie er in den Hörer. Doch es hörte nicht auf. Mit gebrochener Stimme erklärte nach langen Minuten ein Mann auf Tigrinya, er sei auf der Flucht entführt worden. Und er bat um Lösegeld, um mehrere Zehntausend Euro, diktierte eine Bankverbindung. Sie führte nach Ägypten, auf die Sinai-Halbinsel. Zerai sammelte in seiner Kirchengemeinde Geld, sprach mit EU-Politikern, informierte Hilfsorganisationen. Er war einer der Ersten, der darüber berichtete, dass im Sinai Flüchtlinge gefoltert werden. Bis heute existieren die Folterkammern. 40 Menschen hat Zerai bisher freigekauft.

Besonders dramatisch war der Morgen des 27. März 2011. Zerai sah, dass er den Anruf von einem Satellitentelefon verschlafen hatte. Er rief sofort zurück. Ein Eritreer sagte, er sei mit 71 anderen Flüchtlingen auf einem zehn Meter langen Schlauchboot im Mittelmeer unterwegs, der Motor sei zu schwach für die schwere Last, der Tank bald leer. Mussie Zerai hörte durch das Telefon die Wellen, die gegen das Plastikboot schlugen. "Ich sagte, ich würde helfen. Ich versuchte, ihnen Hoffnung zu geben", erinnert er sich.

Er rief die Seenotrettung in Rom und gab die Nummer weiter – so, wie er es damals zu tun pflegte, weil er selbst noch nicht wusste, wie man die GPS-Daten aus dem Telefon lesen konnte. Die Seenotrettung rief die Nummer an, um die Position des Boots zu ermitteln, gab die Daten weiter, an alle Schiffe in der Umgebung des Boots. Am Nachmittag des 27. März wählte Mussie Zerai noch einmal die Nummer des Eritreers. Noch war keine Hilfe angekommen. Als er es am Abend wieder versuchte, war das Telefon aus.

In der folgenden Nacht klingelte Mussie Zerais Telefon mehrmals. Es waren Verwandte des Eritreers und von anderen Insassen des Boots, sie weinten, schrien ihn an, er möge etwas tun. Er versuchte, sie zu beruhigen. Nach jedem Gespräch betete er, um sich selbst zu beruhigen. "Es funktionierte nicht."

Zwei Wochen später rief ihn ein Passagier des Boots an und erzählte, was passiert war. Am Abend war das Boot in einen Sturm geraten, der Tank war da schon leer. Tagelang trieben sie dann im Meer. Die Passagiere aßen ein Gemisch aus Zahnpasta und Urin. Jeden Tag starben Menschen. Als das Boot nach zehn Tagen an der Küste Libyens angespült wurde, lebten noch elf. Einer von ihnen starb, kurz nachdem er von Land gegangen war, ein anderer in einem libyschen Gefängnis, wo er drei Tage lang nichts zu trinken und nichts zu essen bekam.
Der Überlebende erzählte auch, dass das Schlauchboot auf dem Meer dreimal Besuch vom Militär bekommen hatte. Ein Hubschrauber mit der Aufschrift "Army" näherte sich am Abend des 27. März, umkreiste das Boot, drehte wieder ab. Der Kapitän warf daraufhin das Satellitentelefon und den Kompass über Bord, niemand sollte ihn als Schlepper überführen. Stunden später kehrte der Hubschrauber zurück, jemand ließ an einem Seil ein paar Flaschen Wasser herab, ein paar Kekspackungen. Tage später begegnete das Schlauchboot einem Militärschiff. Die Flüchtlinge hielten die Leichen in die Luft, um auf ihre Lage aufmerksam zu machen. Das Schiff näherte sich bis auf ein paar Meter, drehte wieder ab.

Der Fall wurde international bekannt als "Left-to-die-Boot", als das Boot, dessen Insassen dem Tod überlassen wurden. Mussie Zerai klagte mit Flüchtlingshilfsorganisationen in mehreren europäischen Staaten. Die Europäische Kommission erstellte einen Untersuchungsbericht. Alle Überlebenden bestätigten die Version des Mannes, der Mussie Zerai angerufen hatte. Verantwortliche sind bis heute nicht gefunden. Zerai wird immer noch wütend, wenn er von dem Fall erzählt. "Ich will den Menschen finden, der angeordnet hat, nicht zu helfen. Ich will ihm in die Augen schauen und ihn fragen, wieso er das gemacht hat."

Sein Bischof hat im Jahr 2011 einmal zu ihm gesagt, "Du bist nicht der Retter der Welt. Der Retter der Welt ist Jesus Christus." Zerai sagt: "Ich denke an diesen Satz, wenn mir das alles zu viel wird."

lunedì 29 dicembre 2014

Osservatore Permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite e le Organizzazioni Internazionali a Ginevra


MERRY CHRISTMAS
HAPPY NEW YEAR 2015
 
S.E. Mons. Silvano M. Tomasi C.S
La tirannia del tempo mi obbliga ad essere meno personale quest’anno, ma non meno vicino. Invio un cordiale augurio per le Feste Natalizie e per il Nuovo Anno. Le attività della Ginevra internazionale non si arrestano e non lasciano molto spazio di tempo libero. Ringrazio il Signore per il lavoro positivo fatto dalla piccola squadra di questa Missione Permanente. Abbiamo seguito innumerevoli riunioni apportandovi spesso il nostro contributo dalla prospettiva dei valori cristiani e umani. Ho preso parte attiva alla Geneva 2 sulla Siria, agli incontri regolari dei vari organismi internazionali, al Consiglio dei Diritti Umani.  Sono state organizzate visite importanti come quella del Cardinale Rai, Patriarca della Comunità Maronita, dei Patriarchi Sako e Younan, di altre personalità direttamente coinvolte nella protezione dei cristiani nel Medio Oriente e nelle ricerca di pace. Con gioia sono stato in Olanda uno dei Vescovi consacranti  per l’antico collaboratore Mons. Hubertus van Megen nominato nunzio in Sudan ed Eritrea.  Ho potuto poi rispondere a varie richieste di conferenze su temi di migrazioni, economia, persecuzione di cristiani, politica contemporanea, a Cambridge University, Fordham University di New York,  l’Università del Sacro Cuore di Milano, alla Pontificia Università Gregoriana, al Seminario di Concordia-Pordenone, al Meeting di Rimini, alla Adenauer Stiftung di Berlino. Con i Nunzi del Medio Oriente, ho partecipato alla riunione in Vaticano sulla situazione in questa regione. Ho potuto celebrare a New York i 50 anni di servizio del Center for Migration Studies e della rivista International Migration Review che ebbi l’opportunità di cominciare. E’ stato un onore  l’udienza privata in dicembre con Papa Francesco e presentare i suoi messaggi ad eventi particolari dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro, l’Organizzazione Mondiale del Commercio, la Conferenza sulle conseguenze umanitarie delle armi nucleari. In particolare quest’anno abbiamo presentato i Rapporti della Santa Sede ai Comitati delle Convenzioni sui Diritti del Fanciullo e contro la Tortura, due impegni che hanno suscitato un vasto interesse dei mezzi di comunicazione per la relazione con la pedofilia e le riforme operate nella Chiesa per prevenirla. Faccio riferimento a queste attività piu’ specifiche del 2014 che si conclude perché assieme al lavoro quotidiano di meeting, incontri di persone, interventi vari, negoziati informali,  un po’ di attività pastorale con le cresime in varie parrocchie, la partecipazione nell’International Catholic Migration Commission, tutto questo  può dare l’idea di come funzioni per la Santa Sede l’importante base internazionale che è Ginevra. Assieme, stagisti, esperti amici da vari Paesi, l’equipe della Missione Permanente, abbiamo cercato di rispondere fedelmente al compito affidatoci. Ho poi dato del tempo ad un impegno di vecchia data, la costruzione del campus dell’Università Cattolica dell’Etiopia.
Il 2015 sta alla porta e promette di essere altrettanto impegnativo dell’anno appena trascorso. Avanti! Il Signore che nasce a Betlemme rinnova il cuore di chi L’accoglie e ne fa la Sua abitazione.  Ecco la strada della pace  e l’augurio per le Feste Natalizie e per l’Anno Nuovo.
                 + Silvano M. Tomasi C.S

Nunzio Apostolico, Osservatore Permanente della Santa Sede presso le  Nazioni Unite e le Organizzazioni Internazionali a Ginevra

Strage di ragazzini al confine tra Eritrea e Sudan





di Emilio Drudi

Tredici ragazzini, sette donne e sei maschi, sono stati uccisi a raffiche di mitra dalla polizia di frontiera eritrea mentre cercavano di attraversare il confine con il Sudan. E’ stata  una strage a freddo, avvenuta verso la fine dello scorso settembre, vicino alla piccola città di Karora, ma scoperta soltanto tre mesi dopo, quasi alla vigilia di Natale.
Proprio perché è rimasto a lungo segreto, non sono chiare le circostanze del massacro. Si sa per certo che le vittime, di età compresa tra i 13 e i 20 anni, facevano parte di un gruppo di 16 giovanissimi che, nascosti su un camion, si stavano dirigendo verso il Sudan, accompagnati e sotto la scorta di un “passatore-guida” ingaggiato dalle loro famiglie. Avevano scelto, per la fuga, una delle vie più battute dai profughi, la cosiddetta “Ghindae-Port Sudan Route”, che parte dal centro agricolo di Ghindae, nella regione eritrea del Mar Rosso Settentrionale, e termina appunto a Port Sudan, centinaia di chilometri più a nord.
Stando alle prime notizie filtrate, i soldati hanno aperto il fuoco non appena si sono resi conto che il camion stava per varcare la frontiera, intuendo che a bordo dovevano esserci dei profughi risoluti a scappare. L’ordine della dittatura, infatti, è di sparare a vista, mirando a uccidere, contro chiunque tenti di espatriare clandestinamente, specie se si tratta di giovani nell’età della leva militare. Come erano, in effetti, quasi tutti i 16 ragazzi. Non c’è stato scampo: le raffiche hanno fatto strage.
I corpi delle tredici vittime sono stati recuperati dagli stessi militari e sepolti in segreto in una fossa comune anonima, forse per cancellare ogni traccia e magari la memoria stessa del crimine. Ignota la sorte dei tre superstiti. Questa volontà di “negare tutto” è stata però smascherata dal dolore e dalla forza di volontà di un padre, Tesfahanes Hagos, un colonnello dell’esercito, invalido ed eroe della guerra di liberazione contro l’Etiopia. Tra i morti ci sono anche tre delle sue figlie – Arian (19 anni), Rita (16 anni) e Hossana, la più piccola, appena tredicenne – fuggite insieme per cercare di raggiungere la madre in Canada. Insospettito dalla prolungata, totale mancanza di notizie, dopo circa un mese l’ufficiale ha cominciato a indagare, ripercorrendo più volte la presumibile via di fuga scelta dalle sue ragazze e bussando ostinatamente a mille porte, senza arrendersi di fronte agli ostacoli e al muro di silenzio eretto dalla polizia. Fino a che ha portato alla luce il massacro.
Il suo calvario è stato raccontato ad Asmarino, un giornale online della diaspora eritrea, da un amico di famiglia che, per ovvie ragioni di sicurezza, chiede l’anonimato ma che, con la sua testimonianza, consente di aggiungere altri particolari alla ricostruzione della tragedia.
Tesfahanes Hagos è ancora un militare in servizio attivo. “Opera con mansioni di ufficio – racconta il testimone – nella zona di Embatkala, una base destinata a un addestramento speciale detto ‘Ranger’. E’ padre di cinque figlie. La prima, dopo essersi sposata, si è trasferita in Canada, dove è stata successivamente raggiunta dalla madre. Le figlie rimaste ad Asmara (le tre minori: ndr) hanno trovato dei mediatori (è il termine con cui vengono chiamati gli organizzatori delle fughe dei profughi: ndr) i quali hanno assicurato che avrebbero potuto portarle fuori. E’ iniziato così il viaggio da Asmara a Massawa. Il piano prevedeva di proseguire in direzione del Sahel, verso Karora, nel nord dell’Eritrea. E di raggiungere così  il Sudan. Quando le ragazze sono giunte a Massawa, la sorella che vive in Canada è stata avvertita della loro partenza. Lei stessa, allora, ha contattato il mediatore, il quale le ha specificato che il gruppo era composto da 9 ragazzi e 7 ragazze e che tutti erano riusciti a partire. Era intorno al 9 settembre”.
Sembra fatta. Dal Sudan non giungono però notizie. Per settimane. Né al padre rimasto ad Asmara con la seconda figlia, né alla madre e alla sorella in Canada. Appare chiaro, a questo punto, che le tre ragazze in Sudan non ci sono mai arrivate: sono sparite. Sempre più preoccupato, l’ufficiale inizia lui stesso a fare ricerche. “E’ in gravi condizioni di salute – ricostruisce il testimone – ma ha deciso di andare in giro per il paese a cercarle. Meno male che non ci ha rimesso la pelle anche lui. Alla fine si è arreso ed ha deciso di rivolgersi alle autorità per denunciare l’accaduto. Le autorità di governo gli hanno risposto che le sue figlie erano sotto la loro custodia. Per liberarle avrebbe dovuto pagare una certa somma. Io non so a quanto ammonti questa somma. Credo si aggiri sui 2 milioni di nakfa (circa 110 mila euro al cambio ufficiale: ndr)… Posso assicurare, però, che ha dovuto pagare”.
Circa 110 mila euro sono una cifra enorme per l’Eritrea. Per avere un’idea, basti considerare che il salario mensile di un medico arriva si e no a 30 euro. Ma, versata l’ammenda pretesa dallo Stato, si riaccendono le speranze. Invece le ragazze erano già state uccise, insieme a gran parte dei loro compagni. “Dopo circa tre mesi – racconta infatti l’amico che ha accettato di parlare – le autorità hanno comunicato al padre che le sue figlie erano state ritrovate morte da militari della Marina e che poteva andare a prendere le salme, anche se sarebbe stato difficile riconoscerle, perché in tutto erano stati rinvenuti 13 corpi. Ora, dunque, si sa per certo che di 13 dei 16 fuggitivi si sono trovate le salme. Degli altri tre non si sa che fine abbiano fatto. Possono essere morti come possono essere vivi: ancora nessuno sa cosa sia realmente successo… Non conosco direttamente la fonte, ma un uomo ha testimoniato che alla partenza (da Karora: ndr) c’è stata una gran confusione, seguita da sparatorie. Non è un fatto accertato: sto riferendo quello che si vocifera. Quello che credo io, come la maggior parte della gente, è che le ragazze siano state uccise (al posto di frontiera: ndr), perché se un’autorità dichiara di aver in mano delle persone, poi ne è direttamente responsabile. D’altra parte, se le avessero trovate morte, avrebbero potuto dichiararlo fin dall’inizio: non dopo svariati mesi, dopo aver preteso i soldi. Cos’è realmente successo, chi è stato, come è avvenuto non si potrà mai saperlo per certo: non c’è nessuna indagine in corso. Non si potrà mai sapere la verità, insomma, perché il Governo è colluso in questa faccenda. Ma la gente è convinta che questi ragazzi siano stati fucilati lì, sul momento…”.

Una cosa però è emersa. Si è scoperto che figli di esponenti del governo, militari ed ex militari, erano anche quasi tutti gli altri giovani trucidati insieme alle tre figlie del colonnello: la maggioranza di loro veniva infatti dal Denden Camp, un quartiere-villaggio di Asmara allestito per funzionari dell’apparato statale, per ufficiali reduci e invalidi dell’esercito e per le loro famiglie. Forse per questo la strage è stata avvolta in un segreto così rigido: la tragica fuga di quei ragazzini dimostra che sono sempre più insofferenti al regime anche interi settori del “palazzo”, magari protagonisti della lotta che ha portato all’indipendenza dell’Eritrea. “Una lotta tradita dalla dittatura di Isaias Afewerki che si è insediata ad Asmara dal 1993”, denunciano i principali leader della diaspora in Africa, in Europa e in America.

sabato 27 dicembre 2014

Sudan. Pogrom contro gli eritrei nel campo di Shagarab


  

di Emilio Drudi

Un pogrom, con morti, feriti, pestaggi, capanne e case incendiate. E’accaduto la mattina di Natale nel campo profughi di Shagarab 1, nel Sudan sud orientale. L’ha condotto un folto gruppo di Rashaida, il clan beduino implicato nel traffico di esseri umani, come ultimo atto di una tragedia iniziata due giorni prima, con la morte di almeno 11 profughi eritrei in un agguato organizzato sempre dai Rashaida. La polizia sudanese è intervenuta soltanto quando ormai il massacro era compiuto. E, per di più, stando al racconto di alcuni eritrei scampati, anziché bloccare gli assalitori, avrebbe arrestato diverse vittime della caccia all’uomo, decine di rifugiati che protestavano in quello che restava del campo. Non solo. Di un numero imprecisato di profughi, uomini e donne, sequestrati dai Rashaida, si ignora la sorte.
Shagarab è uno dei campi profughi più grandi dell’Africa. Aperto vicino a Kassala quasi 50 anni fa, nel 1968, quando a popolarlo erano gli esuli eritrei della guerra d’indipendenza contro l’Etiopia, più che un centro d’accoglienza oggi è una città di baracche sorte nel nulla del Sahel sudanese. Il nulla intorno ad oltre 15 mila ospiti, che diventano almeno 30 mila con quelli del campo satellite di Shagarab 2, situato a circa metà strada tra Kassala e Al Qadarif. E gli arrivi continuano. Negli ultimi tempi, secondo il Commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr), una media di 1.500 richiedenti asilo al mese. Dovrebbe essere, infatti, la prima tappa del cammino verso la salvezza, dopo essere sfuggiti alle manette e alle fucilate della polizia di frontiera eritrea. E’ diventato, invece, un girone infernale. All’interno c’è un ufficio dell’Unhcr per l’esame delle domande di asilo. Ma la stessa Unhcr ha denunciato più volte le condizioni di insicurezza che rendono pressoché ingovernabile il campo. La gestione dipende interamente dal ministero degli interni di Khartoum. In realtà, l’intero complesso è abbandonato a se stesso. Peggio: è diventato una riserva di caccia dei mercanti di morte, che vi accedono e vi si muovono con estrema facilità, per adescare le loro vittime o, sempre più spesso, sequestrarle con la violenza. Nel silenzio pressoché totale del presidio di polizia che dovrebbe garantire la vigilanza e la difesa da qualsiasi intrusione esterna.

Sono anni, in queste condizioni, che monta la tensione, con proteste sempre più frequenti contro la vita impossibile e i tempi di attesa infinitamente lunghi per l’esame delle richieste di asilo. Ma, ancora di più, contro i trafficanti e contro la polizia che finge di non vederli, mentre blocca inesorabilmente chi cerca di allontanarsi da Shagarab per raggiungere Khartoum e attraversare il Sahara verso la Libia o l’Egitto. La premessa del pogrom di Natale è stato proprio un ennesimo tentativo di fuga, attuato la mattina del 23 dicembre da un folto gruppo di rifugiati: secondo talune fonti, una cinquantina. Il primo pericoloso ostacolo, uscendo da Shagarab verso nord, è l’attraversamento dell’Atbara, il grosso affluente che si getta nel Nilo poco lontano. Consapevoli che seguendo la strada nazionale o le piste più battute sarebbero incappati nei posti di blocco della polizia, i profughi sono arrivati per vie traverse in un villaggio fuorimano, dove hanno trovato quattro pescatori disposti a traghettarli con le loro piccole barche. Su ognuna sono salite da 10 a 15 persone.
A questo punto non è chiaro cosa sia accaduto di preciso. Secondo quanto riferito dal giornale online Caperi Reports, i fuggiaschi sarebbero caduti in una imboscata, organizzata da una banda di Rashaida, proprio mentre stavano attraversando il fiume. Nella confusione che ne è seguita, almeno una delle barche si è rovesciata. Forse, anzi, addirittura due. Otto profughi sono annegati: i loro corpi senza vita li hanno recuperati lungo le rive. Tre risultano dispersi. Cinque, tre uomini e due donne, sono stati catturati e presi in ostaggio dai beduini. Le altre barche – come ha riferito Mohammed Adar, rappresentante dell’Unhcr in Sudan, secondo quanto riporta Business Recorder – ce l’hanno fatta ad attraversare il fiume. Ma una decina di rifugiati, che si erano gettati in acqua salvandosi a nuoto, sono tornati al campo, dando l’allarme.
Tutti i profughi eritrei, a Shagarab, sanno che il clan dei Rashaida ha fatto della regione sudanese a nord del confine con l’Eritrea una delle principali basi della tratta di esseri umani. La tecnica è la stessa adottata per anni nel Sinai, in combutta con bande di predoni locali. Tutti quelli che vengono catturati diventano schiavi: segregati, incatenati tra di loro, venduti da una banda all’altra, torturati per vincerne ogni volontà di resistenza. Per essere rilasciati devono pagare un riscatto che può arrivare fino a 40 mila dollari. E chi non ce la fa a comprarsi la libertà rischia di essere messo all’asta sul mercato degli organi per i trapianti clandestini. Proprio per questo da anni i rifugiati chiedono alla polizia sudanese di intervenire. Nessuno ha mai dato loro ascolto. Così, questa volta, un gruppo di oltre cento disperati hanno deciso di muoversi da soli, prendendo a loro volta in ostaggio tre membri della comunità beduina, per scambiarli con gli amici catturati dai Rashaida al guado dell’Atbara.
La trattativa è andata avanti fino al giorno 24, vigilia di Natale, quando gli eritrei hanno deciso di rilasciare i tre prigionieri. Ma ai Rashaida non è bastato. Forse perché hanno considerato quella ribellione ai loro soprusi un pericoloso “precedente”, che può minare l’autorità criminale che hanno istituito nella regione. Meno di 24 ore dopo, la mattina di Natale, dunque, un folto gruppo di beduini, armati di coltelli e machete, ha dato l’assalto al campo di Shagarab. E’ stato – hanno raccontato alcuni portavoce dei profughi eritrei – un vero e proprio pogrom, di estrema violenza, ma che la polizia non ha nemmeno provato a contrastare. Secondo quanto riferisce un servizio giornalistico pubblicato da Caperi Online, la caccia all’uomo si è protratta a lungo. Numerosi migranti sono stati uccisi o feriti. A molte capanne è stato appiccato il fuoco e sono andate distrutte. Decine di ragazzi, uomini e donne, sono stati catturati e ammassati su camion, per portarli non si sa dove. Proprio la disponibilità di questi autocarri, anzi, dimostra che il raid non è frutto di un’esplosione di collera ma è stato studiato e organizzato a freddo: una spedizione punitiva nella quale non si è lasciato nulla al caso. Incluso il sequestro di prigionieri che ora non si sa dove siano finiti. C’è chi dice che siano stati accompagnati in catene al confine e consegnati alla polizia di frontiera eritrea. Ma altri temono che siano destinati a diventare schiavi da mettere in vendita nel circuito dei trafficanti di esseri umani. Con il rischio di sparire per sempre: la stessa sorte toccata a centinaia di altri profughi di cui si è persa ogni traccia nel Sinai.
La polizia sudanese – denunciano i migranti – è intervenuta solo quando il campo era in fiamme e il massacro ormai alla fine. E invece di dare la caccia ai predoni se la sarebbe presa con gli eritrei che contestavano il suo ritardo e il suo atteggiamento. Molti, anzi, sarebbero stati arrestati. E per questi, ora, si prospetta un incubo senza fine: rischiano di essere rimpatriati di forza ad Asmara. Un rischio terribile perché, trattandosi di ragazzi in età di leva, verranno processati e imprigionati come disertori. I lager eritrei sono pieni di ragazzi come loro. Ma Khartoum non sembra tenerne conto. Lo dimostra la vicenda di altri 230 giovani che, dopo aver scontato otto mesi di carcere in Sudan per immigrazione clandestina, non sono stati rilasciati alla fine della pena: restano detenuti, in attesa di essere consegnati al regime di Isaias Afewerki.
“La prospettiva del rimpatrio forzato dei profughi eritrei – spiega don Mussie Zerai, presidente dell’agenzia Habeshia – si è fatta più concreta dopo il riavvicinamento tra Isaias Afewerki, il dittatore di Asmara, e Al Bashir, il dittatore di Khartoum. Due personaggi messi al bando dalla comunità internazionale e che il presidente Obama si è rifiutato di incontrare nell’ultima conferenza Usa-Africa. Eppure, oltre che ovviamente con gli altri governi della regione, è proprio con questi dittatori che l’Italia e l’Europa hanno firmato, il 28 novembre, il Processo di Khartoum, l’accordo per il controllo dell’emigrazione dal Corno d’Africa. Quella firma è stata accompagnata da mille promesse e impegni. Si è detto, in sostanza, che sarebbe il passo iniziale verso una positiva collaborazione con le nazioni di transito e di prima sosta dei profughi, in modo da garantire i diritti e la sicurezza di chi è costretto da guerre e persecuzioni ad abbandonare il proprio paese. Questa è l’occasione per dimostrare che non sono state gettate parole al vento. L’Italia è lo Stato che ha premuto di più per questo accordo, già a partire dalla visita fatta dal viceministro degli Esteri Lapo Pistelli, nel luglio scorso, in Eritrea, in Sudan e in tutta l’Africa Orientale. Allora, l’Italia affronti le responsabilità che si è assunta. Come? Facendosi subito carico, insieme all’Europa, del problema enorme di Shagarab: deve pretendere che il campo sia messo in sicurezza dalla polizia sudanese o, se questa non è in grado di farlo, da una forza internazionale. Inoltre va chiesta con estrema decisione a Bashir la garanzia che non rimanderà i profughi eritrei ad Asmara: né quelli arrestati dopo il pogrom di Natale, né tutti gli altri imprigionati negli ultimi mesi come migranti clandestini. Proprio perché si tratta di profughi, anzi, occorre pretendere che non vengano fermati come delinquenti ma siano trattati come richiedenti asilo, in base al diritto internazionale”.

Don Zerai solleva un problema essenziale, che conferma i grossi dubbi e le forti contestazioni manifestate da più parti al momento della firma dell’accordo, sancito a fine novembre da una conferenza interministeriale convocata a Roma. Se Bashir ignorerà le garanzie sollecitate da don Zerai per i profughi eritrei bloccati in Sudan, infatti, il Processo di Khartoum potrà considerarsi fallito in partenza. “A meno che – rileva lo stesso don Zerai – il vero scopo del trattato non sia quello di bloccare i rifugiati nel deserto, in Sudan o nel Sahara, prima ancora che arrivino sulla costa meridionale del Mediterraneo. L’ennesima barriera messa in piedi per spostare sempre più a sud la frontiera della Fortezza Europa. Anche a costo di affidare il controllo dell’emigrazione a dittatori come Afewerki e Bashir”.